Si chiama Nadinne Bruna, ha 32 anni, vive a Miami ed è una modella argentina molto nota su Instagram. Ha perso gran parte delle caratteristiche della sua vista, che era perfetta in orgine. Il problema è nato dopo essersi sottoposta a una procedura di chirurgia plastica per cambiare il colore degli occhi, da castani ad azzurri.

Per riuscire nel suo intento, Nadinne è volata fino a Bogotà, in Colombia per sottoporsi a quello che negli Stati Uniti è un intervento non approvato dalla comunità degli esperti oculisti. I problemi che sono sorti dopo l’intervento, che dovevano essere passeggeri, durano da settembre 2016. Solo ora la giovane si è decisa a parlare di quanto le è accaduto.

198.000 follower su Instagram, forme generose, una carriera davanti a sé, adesso probabilmente resa più complessa in seguito a quanto le è accaduto. La modella spiega che prima dell’intervento chirurgico i suoi occhi erano completamente sani, in ottime condizioni. Per circa un anno dopo averne cambiato il colore, racconta, “erano costantemente rossi e pruriginosi”. “Non possono più adattarsi alla luce, quindi ora sono molto fotosensibile. Questo intervento ha completamente rovinato la mia vita. Il danno alla vista è permanente, e devo fare ancora un trapianto di cornea e ho anche la cataratta”, sottolinea la 32enne.

L’intervento ha avuto un impatto sulla carriera della modella, in quanto non è più stata in grado di partecipare a servizi fotografici per la sua pagina Instagram, a causa dell’aspetto dei suoi occhi.

“C’è una ragione per cui queste procedure non sono approvate dalla FDA e questo perché abbiamo visto il danno a lungo termine e irreparabile che possono causare”, specifica la dottoressa Ranya Habash del Bascom Palmer Eye Institute di Miami. “I problemi agli occhi di Nadinne sono qualcosa che dovrà affrontare per il resto della sua vita”.

Fonte: “Il Giornale”

In questo video l’operazione chirurgica inversa per la rimozione delle protesi “Bright Ocular” (fuorilegge in Europa) eseguita dal Dott. Giulio Bamonte coadiuvato dal Dott. Michele Marino.

Leave a Comment